Home

Giacomo Leopardi

Opere

Canti

Poesie varie

Puerili

Coro di Morti (Ruysch) [© 2000]

Argomenti e abbozzi

Ad Arimane [t. p. q. 1833] anche nello spazio leopardiano di «Atuttascuola»

Operette morali

Memorie e disegni letterari

Epistolario

 

Biografie e testimonianze coeve

 

Necrologio A. Ranieri [pdf 356 KB]

Necrologio Ambrosoli

Monaldo Leopardi

Antonio Ranieri

M. G. Guacci-Nobile [pdf 121 KB]

S. Baldacchini (1859, 1869)

 

Studi

 

Giacomo e l'astrologo [© 2010, PDF]

La vera ora natale di Giacomo Leopardi, stranamente elusa e sbagliata anche dai più titolati accademici. Con riproduzioni diplomatiche corrette dei documenti ufficiali della nascita e… un approssimativo tema astrale.

Sonetti in persona di ser Pecora fiorentino beccaio [© 2009, PDF]

Introduzione storica, nota testuale, testo critico e glossario. In appendice i Mattaccini di Annibal Caro, con commento ottocentesco. Biblio e webliografia essenziale.

I nuovi credenti [© 2011, PDF]

Introduzione, testo, commento e testimonianze coeve, con nuove suggestioni per l’identificazione dei tre personaggi in cerca di un nome.

I nuovi credenti [© 2010, PDF]

Edizione critica. Con ribaltamento a 180 gradi dell’ed. della Crusca 2009.

 

 

 

UK flag for English Leopardi's fans

English Leopardian stuff

Avvertenze

Avvertenza importante: questa è la specifica home leopardiana. ma la home generale del sito contiene, oltre alle novità, sezioni particolari riguardanti Antonio Ranieri, Monaldo Leopardi, e curiosità varie, di attinenza più o meno leopardiana.

Il sito è in costruzione, e si prega di perdonare grafica, approssimazioni, errori, link non funzionanti etc. Chi scrive non è interessato alla forma, ma alla sostanza. Vedo bene che ciò è andar controcorrente, ma nessuno obbliga a vedere le mie pagine, anche perché esse non vanno viste, andrebbero lette. Per la grafica, poi, è difficile far meglio di Wikipedìa, con annessa la sua carinissima leggenda metropolitana:

 

Olio su tela di Stanislao Ferrazzi, 1897

«A. Ferrazzi, Giacomo Leopardi, 1820 [sic],

olio su tela, Recanati Casa Leopardi».

[by <http://it.wikipedia.org/wiki/Giacomo_Leopardi>

al 14-05/2011.]

 

Romantica immagine e filologica datazione, tant’è che per le stesse balle, dieci anni or sono, ho preso allegramente per i fondelli un articolista di «Gente». Per il momento mi limito a riferire il commento ab inferis di certo Stanislao Ferrazzi, de Roma o del suburbio, padre del forse più celebre Ferruccio, e passato a miglior vita nel… 1943; che nel 1897, scolpendo e dipingendo, veleggiava in quel di Recanati: «An vedi ’sti fiji de ’na mignotta, che me stanno a confonne co’ mmio bisnonno».

 

Al solito, per consigli e critiche scrivere sempre al mio indirizzo * * (se non visualizzi «email» fra gli asterischi puoi trascriverlo dall’immagine gif a fondo pagina). Puoi anche chiederti, invece che la quintessenza del Canto notturno o l’allegoria dell’inferno topesco dei Paralipomeni, se Muccio si cambiava la camicia una volta al mese, se prendeva il caffè con 10 cucchiaini di zucchero, o se Ranieri se la faceva con la sorella: «non esistono domande indiscrete; se mai esistono risposte indiscrete» (La vittima designata, 1971). Ma ricorda: paulo maiora canemus. O almeno, avremmo la presunzione di farlo.

 

 

 indirizzo posta elettronica gif

 

 

© 08-02/2010 —> 19.01.2016